Eni è il primo operatore nel settore della raffinazione e della distribuzione di prodotti petroliferi in Italia. È presente in alcuni poli di raffinazione in Europa e nei mercati rete ed extrarete dei paesi dell’Europa centro-orientale.
La distribuzione rete di carburanti si avvale di impianti di proprietà e convenzionati a marchio “eni” e “agip”. È in corso il rebranding dell’intera rete in Italia e nel resto d’Europa al marchio “eni”.
Il vantaggio competitivo derivante dall’integrazione delle attività di raffinazione, approvvigionamento, trading, logistica e marketing di prodotti petroliferi, unitamente al know-how tecnologico e alla notorietà del marchio, consente a Eni di massimizzare le economie di costo e l’efficacia delle operazioni e di meglio fronteggiare il difficile scenario di mercato in cui opera. Nel prossimo quadriennio il management intende recuperare redditività e generare un free cash flow positivo attraverso azioni interne.

Le linee guida strategiche per conseguire tali obiettivi sono:

- ottimizzare gli assetti produttivi della raffinazione, incrementando la flessibilità al variare dello scenario di mercato;
- aggiornare la strategia di presenza all’estero, individuando le aree di maggiore interesse e quelle di possibile disimpegno;
- attuare una manovra selettiva degli investimenti.

Nel prossimo quadriennio è previsto un programma di investimenti di €2,9 miliardi dedicati in gran parte al potenziamento delle raffinerie, in particolare attraverso la realizzazione del progetto EST, e per la restante parte all’ammodernamento e re-branding della rete.

Strategie